Ecco come lavare nel modo giusto!

Il Significato dei simboli riportati sulle etichette

I simboli di lavaggio si trovano sulle etichette dei vostri tessuti. Essi indicano come si devono trattare correttamente i tessuti nel lavaggio e nella pulizia. La nostra tabella mostra il significato dei simboli e che cosa si dovrebbe o non si dovrebbe fare in corrispondenza di ogni determinato simbolo.

Significato dei simboli di lavaggio
Significato dei simboli di lavaggio

 
Non tutti i detersivi sono adatti per tutti i tessuti.

La cosa più opportuna è comprare tre detersivi diversi:

  • un detersivo in polvere per capi resistenti, per il vostro bucato bianco;
  • un detersivo per colori, per i vostri tessuti colorati;
  • e un detersivo per capi delicati/di lana.

I detersivi per capi resistenti contengono anche candeggianti e sbiancanti ottici che consentono di sviluppare una migliore forza sbiancante. Spesso però non basta solo questo per un risultato ottimale. Per questo è consigliabile usare anche un prodotto sbiancante.

I detersivi per colori non contengono né candeggianti né sbiancanti ottici per consentire ai colori di mantenere la loro luminosità e non sbiadire. In compenso sono arricchiti di piccole quantità di inibitori che impediscono il trasferimento dei colori da un tessuto all’altro. Chi desidera comunque proteggere il suo bucato in maniera più sicura dagli scolorimenti, dovrebbe utilizzare anche i Cattura Colore e Sporco, decisamente più potenti.

I detersivi per capi delicati e di lana contengono tensioattivi delicati. I detersivi per la lana presentano inoltre un PH tra acido e neutro, mentre gli altri detersivi hanno un PH superiore, più alcalino. Il PH più basso impedisce l’infeltrimento della lana.

Inoltre ci sono i detersivi universali. Si tratta di regola di detersivi liquidi che non contengono candeggina ma sbiancanti ottici. Essi sono pensati per il bucato bianco, risultano più comodi da usare dei detersivi in polvere, ma sono meno prestanti per quanto riguarda la forza sbiancante.

Separare il bucato

La separazione del bucato è una fase importante per la buona riuscita del lavaggio, infatti contribuisce alla salvaguardia dei colori dei tessuti. Prima del lavaggio, separate i vostri capi bianchi dai tessuti colorati. I tessuti colorati si possono poi suddividere in capi chiari e capi scuri. In alternativa, per ovviare al problema, si può semplicemente mettere nel cestello Dr. Beckmann Il Cattura Colore e Sporco.

Un Corretto Dosaggio

Durezza dell’acqua & Grado di sporco

Le indicazioni del dosaggio riportate sulle confezioni sono valori medi. Nei detersivi per capi resistenti e capi colorati si riferiscono a un carico di 4,5 kg mentre nei detersivi per capi delicati a 2,5 kg di bucato. Inoltre le indicazioni si riferiscono a un grado di sporco normale e un range medio per la durezza dell’acqua. Pertanto si dovrebbero chiedere all’ente di approvvigionamento idrico informazioni sulla durezza dell’acqua e tenere anche conto del grado di sporco del proprio bucato. A seconda del modello di lavatrice, la capacità di carico può variare sensibilmente. Se la capacità della propria lavatrice è maggiore, a pieno carico si deve mettere più detersivo. Lo stesso dicasi se la durezza dell’acqua è elevata o se lo sporco è eccessivo. Se l’acqua è dolce, lo sporco leggero e il cestello più piccolo, si può usare meno detersivo.

Se si eccede con le dosi, si spreca solo denaro e si pregiudica il risultato del lavaggio, dato che sul bucato rimangono i residui del detersivo. Se si usa una quantità insufficiente di detersivo, il bucato non diventa abbastanza pulito. Sul bucato rimangono particelle di sporco e i capi perdono la loro freschezza. Inoltre lo sporco può depositarsi sulle resistenze e all’interno della lavatrice e le macchie non completamente staccate possono fissarsi nel tessuto risultando in seguito molto difficili da eliminare.

Lavaggio a risparmio energetico

I detersivi odierni e le moderne lavatrici sono così potenti da pulire i tessuti a temperature più basse. Lo sporco o le macchie ostinate si staccano se vengono pretrattati correttamente. Chi lava spesso il suo bucato a 30 °C o 40 °C, risparmia non solo sui costi dell’energia ma anche sul bilancio ecologico.


Per mantenere senza germi la propria lavatrice nei lavaggi a bassa temperatura, si può eseguire ogni tanto un ciclo a 60 °C, oppure usare un Pulitore Lavatrice Igienizzante, sviluppato proprio per tale scopo.

Altri consigli utili

Si raccomanda di non sovraccaricare la lavatrice in modo da non danneggiare i capi. L’attrito, infatti, può provocare punti chiari e danneggiare le stampe. Pertanto, i tessuti stampati si dovrebbero lavare sempre dal rovescio. Anche i tessuti molto colorati si dovrebbero lavare sempre dal rovescio per evitare l’usura dei colori. Se la lavatrice è troppo piena, il bucato non può muoversi nel cestello e il bucato non viene risciacquato bene. Ciò potrebbe provocare il deposito di residui di detersivo sul bucato.

I programmi veloci e quelli corti consumano, contrariamente a quanto molti credono, molta acqua ed energia, ad es. perché la macchina deve riscaldare più velocemente. Sono anche meno efficaci perché il detersivo non può svolgere pienamente la sua azione.